0

La dieta vegana a basso contenuto di zuccheri sta diventando sempre più popolare per i molteplici benefici che apporta alla nostra salute.

Sappiamo infatti che l’assunzione di un quantitativo di zuccheri elevato può provocare danni alla salute.

Includere i probiotici in una dieta vegana a basso contenuto di zuccheri può influire positivamente nell’aumento ulteriore dei benefici per la salute.

I benefici dei probiotici nella dieta vegana a basso contenuto di zuccheri

I probiotici sono microrganismi vivi che vivono naturalmente nell’intestino e hanno un effetto positivo sulla salute.

Possono aiutare a migliorare la digestione, aumentare le difese immunitarie, ridurre lo stress e migliorare l’umore.

Includere i probiotici in una dieta vegana a basso contenuto di zuccheri può aiutare a compensare la mancanza di cibi fermentati non vegani, propri di altri regimi dietetici.

Ad esempio, i prodotti lattiero-caseari fermentati come lo yogurt e il kefir li contengono naturalmente. Tuttavia, per coloro che seguono una dieta vegana, ci sono molte alternative a base vegetale per ottenere probiotici.

Alternative vegane per ottenere probiotici

Uno dei modi migliori per includere i probiotici nella dieta vegana a basso contenuto di zucchero è attraverso i cibi fermentati. Ad esempio, il kimchi, il miso, il tempeh e il natto sono tutti alimenti fermentati vegani ricchi di probiotici. Inoltre, l’aggiunta di aceto di mele o di riso alla dieta può fornire probiotici naturali.

Inoltre, ci sono anche supplementi di probiotici vegani disponibili che possono essere utilizzati per aumentarne così l’apport nella dieta quotidiana.

Naturveg dopo una lunga ricerca ha dato vita a PRO BIOTIX, un prodotto 100% vegano pensato per favorire l’equilibrio della flora intestinale e dar vigore al sistema immunitario.

I microorganismi di Pro Biotix agiranno in modo tale da rafforzare l’ecosistema intestinale e faranno da barriera di contrasto al proliferare dei batteri patogeni.

Alimenti da evitare o di cui ridurre il consumo

Una dieta vegana a basso contenuto di zuccheri dovrebbe evitare o comunque limitare il consumo di alcuni alimenti:

  • alimenti trasformati
  • dolci e biscotti
  • snack confezionati
  • salse e marmellate confezionate
  • bevande zuccherate

Questi prodotti andrebbero limitati fortemente, se non addirittura esclusi, se si segue un regime alimentare vegano a basso contenuto di zuccheri.
Per quanto vegani, infatti, gli alimenti trasformati spesso e volentieri possono contenere una quantità significativa di zuccheri, sia sotto forma di zucchero bianco o di zuccheri artificiali.

Per una dieta vegana a basso contenuto di zucchero, è meglio optare per alimenti freschi e non trasformati, come frutta, verdura, legumi, noci e semi, invece di prodotti trasformati con zuccheri aggiunti.

Gli effetti benefici dei probiotici

Includere i probiotici nella dieta vegana a basso contenuto di zucchero può anche aiutare a gestire meglio i livelli di zucchero nel sangue.

È stato notato come questi riescano a migliorare l’assorbimento dei nutrienti, zuccheri inclusi, il che può aiutare a mantenere livelli stabili di zucchero nel sangue.

Inoltre, i probiotici possono anche aumentare la sensibilità all’insulina, proprio in questo modo l’organismo sarà in grado di utilizzare al meglio l’insulina prodotta naturalmente dal corpo per regolare di conseguenza i livelli di zucchero nel sangue.

Sappiamo infatti che è possibile evitare di ammalarsi di diabete facendo attenzione all’alimentazione e all’integrazione e praticando attività sportiva.

In sintesi possiamo affermare che una dieta vegana a basso contenuto di zuccheri, supportata dall’assunzione di probiotici può apportare molti benefici per la nostra salute.

Ti potrebbero interessare:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato